martedì 20 febbraio 2018

Una Meta - Analisi dimostra ancora una volta la superiorità del mais OGM. Ma servirà a qualcosa?

  di LUIGI MARIANI e ALBERTO GUIDORZI




L’indagine, condotta da ricercatori del Collegio Sant’Anna e dell’Università di Pisa che hanno analizzato i risultati di oltre 600 lavori scientifici pubblicati dal 1996 ad oggi, dimostra la superiorità dei mais OGM rispetto ai corrispettivi isogenici in termini produttivi, di sicurezza alimentare per uomo e animali domestici e di sostenibilità ambientale 
Sin dalla loro prima commercializzazione nel 1996, le colture geneticamente modificate (GM) sono state rapidamente adottate passando dagli da 1,7 milioni di ettari nel 1996 a 185,1 milioni di ettari nel 2016, pari a circa il 12% del raccolto globale, il 54% dei quali si trova nei paesi in via di sviluppo.

venerdì 16 febbraio 2018

Storia di alcune piante esotiche - il chinino, la teriaca della modernità.

di ALBERTO GUIDORZI

 
Acque toniche, tutte a base di chinino


La scoperta del Nuovo Mondo determinò nel Vecchio Mondo una rivoluzione non solo alimentare ma anche in fatto di medicine. Inoltre la cultura europea era ancora impregnata della farmacopea del mondo greco, la quale aveva inculcato l’idea che esistesse “l’antidoto” per eccellenza e cioè una sostanza dotata di virtù magiche e in grado di guarire ogni male.

martedì 13 febbraio 2018

Il "lato oscuro" del miracolo economico: il movimento ambientale italiano tra divisioni interne e ricerca d'identità. Sesta parte

 

di MIRKO BUETI

 


Dopo la seconda guerra mondiale la storia del movimento ambientale italiano è largamente analoga agli sviluppi che hanno scandito la genesi e il successivo consolidamento di una moderna coscienza ecologista a livello internazionale tra i primi anni Settanta e la metà del decennio successivo.

venerdì 9 febbraio 2018

La temperatura dell’aria – significato fisico, strumenti di misura e standard di collocazione in campo

di LUIGI MARIANI

 

Figura 1 – Una stazione agrometeorologica nel pressi di un vigneto (fonte: Lumpkin County vineyard - www.gainesvilletimes.com/archives/79836/).

Riassunto
L’articolo si propone di offrire alcuni spunti di riflessione sul significato e sulla modalità di misura della temperatura dell’aria e su cosa la differenzia rispetto alla temperatura delle piante. Premettiamo che le principali normative internazionali citate (Schermi anti-radiazione, standard di posizionamento dei termometri) sono reperibili nella “Guide to meteorological instruments and methods of observation (7th ed.).” (World Meteorological Organization, 2014). Una modalità di misura rispettosa delle normative è essenziale per ottenere misure rappresentative e utilizzabili in ambito aziendale.

Abstract
This post describes the meaning and mode of measuring the air temperature and what makes it different from the temperature of plants. Please note that the main international standards cited in this paper (e.g.: radiation screens, standard for positioning of thermometers) are available in the "Meteorological Instruments and Methods of Observation (7th Ed.)" (World Meteorological Organization, 2014). The knowledge and the adoption of these standards is essential to obtain measures representative and useful for farming activities.

sabato 3 febbraio 2018

I Love GMOs: Quando l' ingegneria genetica piace


di LUIGI MARIANI

 
Prodotti italiani ottenuti anche con mangimi OGM.



Questa mattina (1 febbraio 2018) alle 6.10 su RAI Radio 1 il giornalista che conduce la trasmissione del primo mattino ha intervistato un genetista dell’università di Trento afferente all’equipe che ha messo a punto una terapia genica che nei prossimi anni consentirà di intervenire contro malattie genetiche importanti come la talassemia o la fibrosi cistica, pubblicando i risultati in un articolo uscito su Nature biotechnology qui).

venerdì 2 febbraio 2018

Elezioni: ufficialmente aperto il mercato delle candidature. Cercansi malviventi incensurati


di AGRARIAN  SCIENCES



I cinque appassionati sognatori che redigono queste pagine non possono operare l'esplorazione sistematica dell'intricata jungla della politica nazionale. Singolarmente le medesime pagine stanno suscitando un numero di lettori quantomeno lusinghiero in tempi in cui i capotreni scaricano nei cassonetti delle stazioni centinaia di copie dei maggiori quotidiani nazionali, carta donata agli editori da una delle cento leggi scritte dalla "cupola" a proprio beneficio, a spese, ovviamente, di chi rifiuta, ormai, di leggerli.

giovedì 1 febbraio 2018

Cavie umane e gogne mediatiche

di LUIGI MARIANI e ALBERTO GUIDORZI

 

 

Delle due l’una: o negli esperimenti condotti in Germania si sono violati i principi etici sottesi alla sperimentazione su esseri umani e dunque gli universitari che li hanno condotti debbono essere sanzionati oppure tutto si è svolto in modo regolare e dunque sperimentatori e volontari debbono essere tutelati dalle legge rispetto alle rozze campagne denigratorie cui stanno andando incontro.

mercoledì 31 gennaio 2018

(Prima menzogna) Le 15 menzogne del biologico. Un’analisi agronomica


di ALBERTO  GUIDORZI e LUIGI MARIANI 

 


Non passa giorno che i media non imputino ai residui di fitofarmaci le malattie più disparate. Colpa del glyphosate sarebbero l’autismo, la sindrome dell’intestino permeabile, l’obesità, la celiachia, il cancro….e tutto perché troviamo 7 parti per miliardo di glyphosate nel pane (che, tanto per avere un ordine di grandezza equivalgono a quel che sono 7 secondi su 250 anni!).
E’ la soluzione al supposto problema starebbe nel “Mangiare prodotti biologici”, come dicono le lobby del bio-business, molte fondazioni, le ONG e una pletora di guru degli strumenti di marketing, impegnati a inventare nuovi metodi per fare molta cresta su prodotti che non pagano a sufficienza i produttori raddoppiandone e triplicandone il prezzo di mercato.
Vedremo qui di analizzare alcuni dei luoghi comuni che vengono sparsi a piene mani nella collettività facendo leva sulle paure (morte, malattie,ecc.) e sugli odi (odio per la tecnologia perché impedirebbe il ritorno ad una vita paradisiaca condotta in sintonia con i ritmi della natura) che in essa covano da millenni.

Menzogna n. 1

lunedì 29 gennaio 2018

I pionieri dell’ambiente in Italia: dalle origini alla caduta del regime fascista. Il movimento ambientale dalle origini all'ecologismo moderno. Quinta Parte

di MIRKO BUETI 

 


Tra la fine del XIX e l'inizio del XX secolo iniziò a essere sollevata anche in Italia tutta una serie di problematiche legate alla tutela dell'ambiente, grazie alla formazione delle prime associazioni naturalistiche: con la nascita del Club Alpino nel 1863, della società Botanica italiana nel 1888 e del Touring Club italiano nel 1894, la società borghese del nord avanzato pose le condizioni per un nuovo interesse verso la natura. Luigi Piccioni ha individuato nel periodo 1888-1934 una prima ampia fase del conservazionismo italiano, principalmente volto a creare un movimento di opinione sui temi naturalistici.

venerdì 26 gennaio 2018

Alla ricerca del diserbante messianico… o, più prosaicamente, capace di far guadagnare soldi?

di ALBERTO GUIDORZI


¹Eco-diserbo 100% naturale


Premessa
Alla notizia che il glyphosate sarebbe stato riautorizzato per altri 5 anni, le due nazioni hanno reagito stizzite ma in modo diverso. I francesi, che ancora si considerano primi della classe (ma di una scuola che non esiste più), per bocca del presidente Macron hanno detto in pratica che sul loro territorio l’interdizione valeva solo fino a quando non ci sarebbe stato disponibile un diserbante migliore, comunque non avrebbero atteso più di tre anni.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...